Torta di semola ricetta di rachele (amica di nonna annetta)

che io sappia rachele era un’amica d’infanzia di mia nonna un’amica di religione ebraica quindi credo sia una ricetta kosher se sbaglio ditemelo

Per la torta:

2 uova

1 bicchiere di zucchero

1 bicchiere di olio di semi

1 bicchiere di acqua

1/2 bustina di lievito

bicchieri di semola di grano duro

Per lo sciroppo:

250 g di zucchero

1 bicchiere di acqua

1/2 limone spremuto

cucchiai di acqua di fiori d?arancio

Mescolate con le fruste elettriche lo zucchero e l?uovo fino ad ottenere una crema gialla leggera, poi

aggiungete olio, acqua, farina e lievito, continuando a mescolare bene fino ad ottenere un composto

uniforme. Se volete preparare la variante libanese del dolce, sostituite uno dei 3 bicchieri di semola

con un bicchiere di farina di cocco.

Foderate una teglia grande (non ho un righello, però diciamo due spanne di base e una spanna di

altezza, ok?) con la carta da forno e versate l?impasto.

Portate il forno a 180° e fate cuocere la torta un?oretta, finchè la superficie non è dorata e compatta.

Mentre la torta cuoce, mescolate in un pentolino dal fondo spesso lo zucchero, l?acqua e l?acqua di fiori

d?arancio per preparare lo sciroppo: il liquido deve più o meno dimezzarsi, ma non deve diventare

scuro, quindi tenete bassa la fiamma e aspettate pazientemente, mescolando di tanto in tanto.

Una volta sfornata la torta, versatevi sopra abbondante sciroppo e lasciatela riposare per 5 o 6 ore

prima di mangiarla. Per servire la safra, è d?obbligo per tradizione tagliare il dolce a rombi e mettere al

centro di ogni rombo una mandorla, io fatta a tortino ma a volte   le taglio a rombetti se ho a cena amici

e’ piu pratico anche servirla, dimenticavo esiste una variante con aggiunta di farina di cocco.